Blog

Assunzione di persone con disabilità

Le novità di quella convenzione per l’assunzione di persone con disabilità

I numeri cospicui, il percorso di concertazione con le Associazioni di persone con disabilità e l’apertura a posizioni per personale amministrativo e dirigenziale: sono queste le importanti novità riguardanti la convenzione per l’assunzione di persone con disabilità presso il Comune di Torino, che verrà sottoscritta nei prossimi giorni, secondo la quale saranno ben settantacinque le persone iscritte alle cosiddette liste di “collocamento mirato”, che verranno inserite in un percorso di formazione, finalizzato appunto all’assunzione da parte del Comune, su diversi livelli di categorie

Giovane in carrozzina lavora al computerVerrà sottoscritta il 31 maggio a Torino una convenzione per l’assunzione di persone con disabilità presso il Comune del capoluogo piemontese, definita in questi giorni da Sergio Rolando, assessore al Bilancio e al Personale, di concerto con una rappresentanza di Associazioni, tra le quali le componenti regionali di FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap) e ANFFAS (Associazione Nazionale Famiglie di Persone con Disabilità Intellettiva e/o Relazionale).
In base a tale accordo, saranno ben settantacinque le persone iscritte alle liste di “collocamento mirato”, come da Legge 68/99 (Norme per il diritto al lavoro dei disabili), che verranno inserite in un percorso di formazione, finalizzato all’assunzione da parte del Comune, per posizioni con categoria B, C e D. E la novità più importante – oltreché nei numeri e nel percorso di concertazione con le Associazioni – sta nella ricerca di personale amministrativo e dirigenziale.
«Non solo posizioni marginali – sottolinea infatti Pericle Farris, rappresentante dell’APRI (Associazione Pro Retinopatici e Ipovedenti) e vicepresidente della FISH Piemonte – ma per la prima volta un’Amministrazione Comunale che prende coscienza delle potenzialità da valorizzare delle persone con disabilità. Si tratta di una scelta importante, politicamente forte e socialmente necessaria».
«È una delle prime volte – conferma Giancarlo D’Errico, presidente dell’ANFFAS Piemonte e della FISH Piemonte – che un Ente Pubblico coinvolge le Associazioni che si occupano di persone con disabilità nello sviluppo di un protocollo così importante, nel rispetto della Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità, che riconosce a tali Associazioni un ruolo politico e di rappresentanza. Ringraziamo pertanto il Comune di Torino, consapevoli che questo è un punto di partenza e non certo di arrivo».

«Secondo la Legge 68/99 – ricordano dall’ANFFAS di Torino -, gli Enti Pubblici, così come le aziende private, che raggiungono la soglia dei quindici dipendenti sono obbligati ad assumere persone iscritte alle cosiddette liste di “collocamento mirato” in impieghi compatibili con le condizioni di salute e capacità lavorative, in modo tale da realizzare un inserimento proficuo, che soddisfi da un lato le necessità del soggetto, dall’altro le esigenze produttive del datore di lavoro. Per ottenere questi obiettivi, dunque, il Comune di Torino proporrà delle posizioni aperte per le categorie B (impiegati in possesso della terza media, circa una trentina di posti), C (diplomati, per posizioni tecniche e amministrative) e D (personale laureato, per carriere funzionariali). Le persone indicate dai Centri per l’Impiego in base alle graduatorie affronteranno un tirocinio formativo di tre mesi (categorie C e D) o sei mesi (categoria B), al termine del quale potranno essere assunte, secondo una logica di “corso-concorso”. La possibilità di essere assunti dal Comune di Torino riguarderà le persone con disabilità fisica, intellettiva e sensoriale, ma in quote non proporzionali».
«Abbiamo voluto favorire – spiega a tal proposito Pericle Farris – le categorie che di fatto hanno meno opportunità lavorative, ovvero quella delle disabilità intellettive. Ma rifuggiamo la logica assistenzialista e lo dico con una frase brutta, ma che rende l’idea: una persona con disabilità è meglio sfruttata che assistita! In altre parole, tante più persone con disabilità vanno a lavorare in modo certo e produttivo, tante più risorse rimangono per assicurare un’assistenza idonea a chi ne ha davvero la necessità».

«Questo dev’essere solo l’inizio – ribadisce ancora Giancarlo D’Errico – perché sono tantissimi gli Enti Pubblici ancora scoperti rispetto alle prescrizioni della Legge 68/99. Se aprissimo altri tavoli di concertazione e stipulassimo altre convenzioni come questa, potremmo creare tantissimi posti di lavoro produttivi per le persone con disabilità». (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: media@inspirecommunication.itsegreteria@anffas.torino.it.

FONTE: SUPERANDO.IT

31 maggio 2018 News
About Admin